21 febbraio 2008

La grande abbuffata

:: CIBO ::
Eh sì, la pappa.
Da piccolina facevo parecchie storie per mangiare (idem la Margot).
Adesso invece fagocito praticamente tutto come un bidoncino a pedale.

Ho sempre mangiato le crocchette (prima Hill's, poi Nutro, entrambe ottime anche se carissime, ora sono in prova con le Coop, che costano molto meno, ma ne parlano bene, sono prodotte da aziende italiane e con la garanzia dei controlli Coop, visti i recenti scandali...)

Crocchette, ma non solo.
Per renderle più appetibili, la mia mamina ci mette un po' di riso bollito e un po' di carne cotta (tacchino e pollo principalmente).
A volte capita anche la ricotta.
Il latte lo tollero molto bene (meglio se con avanzi di biscotti), purtroppo mi tocca sola la domenica.

Poi i nonni mi hanno insegnato ad elemosinare ai piedi della tavola.
A casa mi trattengo abbastanza, ma quando sono da loro e so che posso ottenere... pancia mia...!

Durante l'allattamento ho mangiato un po' di carne in lattina, quella per lo svezzamento dei cuccioli... buonissima, ma ragazzi che SCORREGGGGGGGE... volevo dire "quanta ARIA!", davvero imbarazzante.
(Che nostalgia però i pranzetti luculliani durante la gravidanza e l'allattamento... bei tempi!)

Per concludere, preferisco la pappa due volte al giorno, arrivo meno famelica al momento del pasto e si evitano vomitini mattuttini giallini e schiumosi (vedi Margot).

Un consiglio finale per la ciotola, quelle d'acciaio (igieniche) e con la gommina sotto anti-rumore e anti-scivolo sono le migliori, boccio invece quelle doppie con pappa e acqua.